Colon irritabile o intolleranza alimentare?

Consulto

Domanda

Buongiorno Dottore, vorrei avere se possibile una Sua opinione sull'opportunità di fare un visita gastroenterologica specifica e valutare l'eventuale opportunità di esami endoscopici. Ho 34 anni e da diverso tempo soffro di disturbi intestinali di vario genere, crampi più o meno forti, gonfiore al basso ventre, difficoltà ad evacuare con sensazione di non essermi mai liberata completamente, alternata a frequentissimi episodi di dissenteria o feci molli. Spesso percepisco un fastidio, soprattutto da seduta o mentre tento di andare in bagno, all'altezza del coccige. Durante la notte soffro di forti dolori alla schiena e quasi ogni mattina mi sveglio con piccoli dolori addominali, ho spesso la sensazione di sentire "movimenti" nella pancia e di dover digerire nonostante sia ancora a stomaco vuoto. Da diverso tempo mentre faccio jogging soffro di dolori addominali che iniziano più lievi e diventano sempre più forti, principalmente al fianco destro, fino a dovermi fermare. Ultimamente oltre a questo tipo di dolore mi è successo di avere, delle fitte sul fianco destro posteriore. Mi è capitato inoltre di avere dopo la corsa episodi di forte dissenteria. Su suggerimento del mio medico ho fatto in passato dei cicli di fermenti lattici (enterelle, ramnoselle,casenlax) per regolarizzare l'intestino, ma la situazione non è cambiata e, sempre su prescrizione del mio medico, ho recentemente iniziato ad assumere Spasmomen + Spasomen somatico. Inoltre qualche mese fa, a causa di fastidi alla gola, ho inoltre fatto una visita otorinolaringoiatrica in cui mi sono stati ipotizzati dei segnali di reflusso gastroesofageo, a seguito del quale ho fatto una cura di omeprazolo, senza però nessun particolare miglioramento. Nonostante il mio medico di base sospetti si tratti semplicemente di disturbi dovuti a stress e non ritenga necessari approfondimenti, vorrei sapere se, visti i continui fastidi, più o meno invalidanti, ritiene possa essere opportuna una visita specialistica. Sperando di essere stata abbastanza chiara La ringrazio anticipatamente e Le auguro una buona giornata. Grazie mille.

Risposta del Medico

Gentile paziente, abbiamo ricevuto la sua mail e la ringraziamo per l’interessamento. Potrebbe trattarsi di colon irritabile potenziato però da altri fattori (intolleranze alimentari, disbiosi intestinale, ecc.) che possono essere valutati in corso di visita specialistica.